The First, proiezione all’IIC per la serie sull’intelligenza artificiale

Date:

Al terzo appuntamento della serie Human, Post-human, Machine, la proiezione di The First all’ICI di Londra.

C’è un limite alla capacità della tecnologia? Al progresso dell’intelligenza artificiale? Mentre l’uomo continua a scoprire nuovi modi in cui i robot possono migliorare la nostra esistenza, emergono altrettanti dubbi su fino a che punto riusciremo a spingerci.

Per il terzo incontro sulla serie che affronta questi interrogativi Human, Post-human, Machine dell‘Istituto Italiano di Cultura di Londra verrà proiettato The First, scritto da Luca Viganò e diretto da Dr. Ali Hossaini. La proiezione si terrà il 9 marzo alle 18, e bisogna prenotarsi al seguente link.

The First, proiezione seguita da una discussione all’ICI di Londra

Piloti, giudici, dottori, chirurghi, costruttori… Sono solo alcune delle professioni che la legge vieta ai robot. Lo spiega con una punta di rabbia e frustrazione la coscienza di un robot ad un’altra intelligenza artificiale, che sogna di diventare pilota. Semplicemente, non è possibile. Ma è per il nostro bene, aggiunge.

Il Test di Turing che fa da sfondo a questo cortometraggio è un metodo di ricerca sull’intelligenza artificiale, creato per determinare se un computer è capace o meno di pensare come un essere umano. È dunque il classico strumento per disegnare la linea che separa i due mondi. Ma cosa succede quando la situazione si inverte, e l’uomo si prende una rivincita sulle macchine?

The First, prodotto da UKRI TAS Hub, RUSI National Gallery X, esplora uno scenario futuro in cui i diritti degli esseri viventi affrontano i problemi con la libertà, l’identità e il giudizio etico.

Ad introdurlo la direttrice dell’ICI Katia Pizzi e Emma De Angelis, editor presso RUSI, il primo think tank in UK sull’intelligenza artificiale e il futuro della sicurezza. A seguire parteciperanno ad una panel discussion seguito da un Q&A il regista Ali Hossaini, lo scrittore Luca Viganò, Emma De Angelis e la professoressa di Performance and New Media alla University of Exeter Gabriella Giannachi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi il post:

spot_imgspot_img

In questa sezione

Articoli correlati
Related

Perché fidarsi dei comici? Chiedete a Stefania Licari

Il primo aprile (non un giorno qualunque) del 2014...

Fringe Festival dipinto di blu: gli artisti italiani arrivano a Edimburgo!

Nel 1947, durante il periodo postbellico in cui si...

Mattia Sedda – Un comico mannaro italiano a Londra

Nome di battesimo: Mattia Sedda. Nome d’arte: Mattia Sedda. Mattia, comico...

L’opera prima di Luisella Mazza si aggiudica il Premio Troisi 2024 

A meno di un anno dalla presentazione londinese del...