Notai in Inghilterra e Galles: la guida per gli italiani oltremanica

0
513
Notai in inghilterra

I notaries public, ovvero i notai in Inghilterra e Galles, hanno funzioni parzialmente diverse da quelle dei loro colleghi italiani. Cosa fanno e quando possono essere di supporto agli italiani oltremanica?

Notai in Inghilterra e Galles: chi sono e cosa fanno?

Non è inusuale fra gli italiani oltremanica sentir dire, erroneamente, che in Inghilterra e Galles i notai non esistano. Sebbene non si tratti della professione così com’è conosciuta in Italia, sia per competenze che per il suo stesso ordinamento, il ruolo del notary public è tutto fuorché insignificante e può rivelarsi particolarmente utile per chi deve stipulare atti in Italia senza lasciare il Regno Unito.

La prima grande differenza è che in Inghilterra e Galles la professione notarile risponde principalmente ad una domanda internazionale. Per comprare casa in Inghilterra, ad esempio, solitamente ci si affida ad un solicitor. Tuttavia, quella notarile è una delle più antiche professioni legali d’oltremanica e le attività dei notaries public sono ricomprese tra le Reserved Legal Activities previste dal Legal Services Act del 2007”.

Alessandro GaglioneCosì spiega Alessandro Gaglione, Notary e Solicitor in Inghilterra e Galles con base a Londra nonché Avvocato abilitato in Italia e titolare, insieme ai suoi fratelli Giuseppe e Roberto – anch’essi Notaries, Solicitors ed Avvocati, di uno studio notarile e legale con sede a Londra ma operativo anche nelle maggiori città d’Inghilterra e Galles.

Le funzioni del notary public, dunque, possono essere assimilate a quelle svolte dai notai in Italia per quanto riguarda l’accertamento dell’identità personale delle parti, la verifica della volontà di stipulare un atto ed il cosiddetto controllo di legalità.

Rivolgersi ad un notary public può essere di grande aiuto nel caso in cui si debba stipulare un atto in Italia senza però dover lasciare il Regno Unito: i notaries public, infatti, possono stipulare procure, sia per atto pubblico che per scrittura privata autenticata, nonché una serie di altri atti per uso in Italia.

Le opzioni per chi ha bisogno di servizi notarili in Inghilterra e Galles

Le opzioni per chi, dal Regno Unito, deve stipulare un atto in Italia non sono tuttavia necessariamente limitate alla figura del notary public. Il Consolato italiano, infatti, offre servizi attraverso il suo ufficio notarile e la relativa rete consolare. Perché dunque affidarsi alla figura del notary public?

“A mio avviso un’opzione per i Connazionali in Inghilterra e Galles è quella di rivolgersi all’Ufficio Notarile presso il Consolato italiano di riferimento. La procura proveniente da questo Ufficio sarà considerata un atto italiano a tutti gli effetti (ancorché fisicamente formato all’estero), sarà ovviamente in lingua italiana e sarà direttamente utilizzabile in Italia, senza necessità di alcun tipo di legalizzazione. Poiché si tratta di un servizio fornito dallo Stato, si dovranno pagare solo i diritti consolari. Tuttavia, qualche volta il problema si verifica quando il Connazionale ha particolare urgenza (si pensi ad un atto da stipularsi di domenica quando il Consolato è chiuso), oppure quando il Connazionale richiede una stipula a domicilio perché impossibilitato a muoversi (si pensi ad una persona inferma o a molteplici atti societari che devono essere stipulati presso la sede legale) o, ancora, perché il richiedente non é cittadino italiano. In tutti questi casi (ma ce ne sono molti altri ancora) il richiedente può rivolgersi ad un notary public come valida alternativa al servizio consolare: in particolare, potrebbe essere opportuno rivolgersi a notaries public che parlano italiano in modo che l’atto richiesto possa essere stipulato direttamente in italiano, senza bisogno di traduzione e semplificando, quindi, l’interazione con i notai in Italia. Ovviamente, poiché i notaries sono professionisti privati, ci saranno le fees da pagare ed, inoltre, gli atti dei notaries sono soggetti a legalizzazione tramite Apostille (che il notary in questione può ottenere per il cliente, pagando i relativi diritti alle autorità britanniche) prima di poter essere utilizzati in Italia”.

Il notary public, dunque, rappresenta una valida alternativa, qualora i servizi offerti dalle istituzioni non dovessero combaciare con le necessità dei cittadini.

La barriera linguistica, che può rappresentare una difficoltà nel passaggio degli atti fra i notaries public inglesi ed i notai italiani, può essere abbattuta dal ricorso ad un notary public che parli italiano, facilmente individuabile attraverso una ricerca sul sito della Notaries Society.

Inoltre, sempre con una ricerca online, è possibile trovare i riferimenti anche di notaries public che, oltre a parlare italiano, hanno anche ulteriori qualifiche professionali, nel settore legale, in Italia e, pertanto, possono fornire un supporto ulteriore ai clienti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.