Omaggio a Dante e alla lingua italiana all’Istituto Italiano di Cultura

Date:

A 700 anni dalla morte del poeta, l’ICI omaggia Dante Alighieri nel corso della 21esima edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo.

Omaggio a Dante e alla lingua italiana all’ICI

Con un evento in presenza mercoledì 27 ottobre, l’Istituto Italiano di Cultura ha deciso di rendere omaggio al sommo poeta Dante Alighieri a 700 anni dalla sua morte.

L’evento è da iscrivere nella cornice della 21esima edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, lingua di cui Dante Alighieri è padre e massimo esponente.

Come spiega lo scrittore Dario Pisano infatti, “il lessico di base della lingua italiana è formato da 2000 parole ad altissima frequenza, combinando le quali noi formiamo il 90 % dei nostri enunciati. Di queste 2000 parole, ben 1600 sono già attestate in Dante“.

Come mai, allora, i più giovani si sentono spesso distanti, alienati dalla Commedia e dal lavoro del poeta fiorentino?

La difficoltà nell’insegnare la grandezza di Dante è trovare una chiave di lettura della sua lingua italiana che coincida con quella dei ragazzi. Parlare ai giovani, con il linguaggio dei giovani.

Per raggiungere questo obiettivo, l’ICI chiede aiuto a Geronimo Stilton, il topo scrittore celebre in tutto il mondo per essere riuscito ad avvicinare bambini e ragazzi alla lettura. Il suo tour “Il mio amico Dante” include non solo Londra ma anche gli Istituti Culturali di Dublino ed Edimburgo, per raccontare ai più piccoli Dante e la sua immortale Commedia con il suo stile unico.

Spot Dante, il video del Consolato che comunica il poeta ai ragazzi

A seguire il Consolato Generale d’Italia a Londra ha presentato Spot Dante, un video di Luca Vullo per i ragazzi che si accingono a leggere Dante per la prima volta.

Il video, girato nella Biblioteca Comunale Scarabelli di Caltanissetta, vede protagonista una giovane studentessa che, immersa nel mondo social, sembra dimenticarsi del poeta fiorentino, sommerso da un cumulo di polvere.

Spot Dante dimostra come il linguaggio universale di Alighieri può invece raggiungere tutti, se si trova il giusto mezzo.

Non ti preoccupare, mi trovi anche online“, “Facciamoci un selfie!“, e cosi anche uno scrittore di sette secoli fa riesce a parlare ai ragazzi. Fondamentali, in questo senso, la sintesi e la chiarezza. I 120 secondi del video catturano l’attenzione senza rischiare di perderla.

Ho cercato di lasciare quanti più indizi possibili. La protagonista del girato si chiama Beatrice ed i ragazzi si chiederanno: perché Beatrice e non Lucia, ad esempio? Credo che questo sia efficace”, commenta il regista Luca Vullo, presente all’evento.

Presenti all’anteprima anche il Console Generale Marco Villani e la direttrice dell’ICI di Londra, Katia Pizzi.

Nella sua presentazione, il Console ha sottolineato l’importanza della diffusione della nostra lingua all’estero. Il Regno Unito, dove più di 20 docenti di scuole primarie e secondarie sono inviati dal Ministero degli Esteri per insegnare ai più giovani l’italiano, è un perfetto esempio di divulgazione del sistema Italia, di cui la lingua costituisce la base.

La Direttrice dell’IIC di Londra Katia Pizzi, ha voluto rimarcare la fiorente vitalità della lingua di Dante nel Regno Unito e la giusta ambizione di un progetto che, veicolando i contenuti linguistici fondanti della cultura italiana, si rivolge ai giovani e ai meno giovani di tutto il mondo.

Il video è disponibile dal 28 ottobre su youtube.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi il post:

spot_imgspot_img

In questa sezione

Articoli correlati
Related

Cosa siamo nel buio, un successo le presentazioni di Tobia Rossi in tutta Italia

Tobia Rossi ha trasposto nel racconto Cosa siamo nel...

Il talento ribelle di Dee DeLuca – dallo stage (italiano) non retribuito a Anthony Hopkins

Daria Dee DeLuca, cantante e attrice italiana pluripremiata, è...

La storia di Camillo Bistrò – la leggi e ti arriva un regalo

Raccontavo giorni fa in questo articolo di quanto gli...

West London Film Festival, la Shorts night svela i segreti del McNally regista

Cosa hanno in comune Downton Abbey e I Pirati...