Geografia Temporale, mostra di Sophie Ko all’Istituto italiano di cultura di Londra

Date:

Al via la mostra Geografia Temporale – Un Viaggio Tra Pittura, Scultura e Tempo dell’artista Sophie Ko all’Istituto Italiano di Cultura e alla Estorick Collection.

Geografia Temporale, un viaggio tra pittura, scultura e tempo all’Istituto di Cultura di Londra

Sarà ospitata dall’Istituto Itlaiano di Cultura di Londra la prima mostra d’arte nel Regno Unito dell’artista Sophie Ko, dal titolo Geografia Temporale, curata da Elena Re in collaborazione con la Galleria de’ Foscherari di Bologna.

Occasione unica di esplorare il percorso creativo di Ko, la mostra si svolgerà in due sedi distinte: inizierà all’Iic di Londra per poi trasferirsi con un’installazione presso la Estorick Collection of Modern Italian Art.

La mostra sarà visitabile in anteprima con la preview ad invito organizzata dal Console Generale d’Italia a Londra Domenico Bellantone e dal Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Francesco Bongarrà e curata da Elena Re che si terrà lunedì 5 febbraio 2024 dalle 17,30 alle 20,00.

L’esposizione intende mostrare il percorso creativo di Ko, che esplora la pittura come mappe geografiche, offrendo al pubblico un’esperienza di paesaggi unici.

Alcune opere sono realizzate con ceneri di immagini bruciate, mentre altre contengono pigmenti puri stratificati in polvere d’oro. La gravità è il tema principale di questa mostra, capace di trasformare i colori nel tempo, in un processo che rappresenta un’espressione di rinascita continua.

Come dichiara Elena Re, la curatrice, “Con queste opere, Sophie Ko ha aperto la strada al suo approccio alla concezione della figurazione, proponendo qualcosa che si muove tra pittura e scultura, qualcosa che solo il tempo può disegnare”.

La mostra d’arte Geografia Temporale è in programma dal 6 al 19 febbraio, è aperta da lunedì a venerdì, dalle 10:00 alle 17:00, presso l’Istituto Itlaiano di Cultura di Londra (39 Belgrave Square, London, SW1X 8NX), è ad ingresso gratuito e non richiede prenotazione.

Dopo la mostra, le Installazioni di Sophie Ko alla Estorick Collection of Modern Art

L’installazione “Interventions: Sophie Ko” aprirà presso la Estorick Collection of Modern Art dal 7 febbraio. Questo progetto si ispira alle opere dell’artista Giorgio Morandi, parte della collezione permanente presso la Estorick Collection of Modern Art.

Sophie Ko mira a creare un dialogo sulla nozione di tempo tra i dipinti del grande maestro italiano e i suoi. Il risultato è “Temporary Geography”, un’installazione che segue il suo ritmo attraverso ceneri e pigmenti neri.

“Interventions: Sophie Ko curata” è in programma dal 7 al 25 febbraio presso la Estorick Collection of Modern Art: Sophie Ko: Temporal Geography – Estorick Collection.

Sophie Ko, interazioni con i materiali alla ricerca del tempo

Sophie Ko (1981) vive e lavora a Milano. La pratica artistica di Ko si basa sul concetto di tempo, esplorato attraverso intense interazioni simboliche con i materiali che impiega – principalmente ceneri di immagini bruciate e pigmenti puri – e le immagini create.

Il cambiamento e l’instabilità dei materiali nel flusso del tempo sono alcune delle costanti della sua ricerca artistica. Ad esempio, “Geografia Temporale” fornisce un’esemplificazione di opere eternamente sospese tra l’atto di creazione e quello di distruzione.

Concepiti attraverso una negoziazione concettuale e formale tra scultura e pittura, questi lavori mettono in scena “un legame fatto di peso, pressione, gravità e la distruzione del tempo sulle immagini, ma anche di formazione, profondità, ritorno e rinascita riguardo al passare del tempo”. I suoi progetti mirano a esplorare la caducità e la mutabilità dell’esistenza.

Elena Re è una critica d’arte e curatrice indipendente. Lavora con istituzioni pubbliche e private, sia in Italia che all’estero, esplorando l’arte italiana attraverso progetti culturali, mostre, conferenze e pubblicazioni. Il suo interesse si concentra sul pensiero che precede l’opera d’arte, nonché su un approccio transdisciplinare all’arte nel suo complesso. La sua ricerca spazia quindi dalla fotografia concettuale all’architettura radicale e alla nozione del multiplo.

Pietro Nigro
Pietro Nigro
Giornalista professionista, napoletano, con esperienza di giornalismo su carta, in tv e sul web, nonché di comunicazione e nel mondo dell'impresa. Ha lavorato soprattutto a Napoli dove si è occupato di economia e politica per il Roma, il Denaro e il Corriere del Mezzogiorno. Ha curato uffici stampa e attività di comunicazione istituzionale, tra gli altri, per il parlamentare europeo Ernesto Caccavale, l'Ordine degli Ingegneri di Napoli, l'Associazione nazionale Consulenti tributari di Napoli, il Consorzio nazionale Acciaio, Anida onlus e Itaca ong. Come direttore responsabile, ha fatto nascere l'emittente televisiva calabrese Rete 3, e, come vicedirettore, il nuovo sito di informazione www.scelgonews.it. In precedenza è stato socio fondatore di una nuova impresa di bricchettaggio di lignite in Bashkortostan, di una cooperativa di diversamente abili a Napoli e della prima società italiana di condohotel a Chianciano (Siena). Attualmente collabora con il Sole 24 Ore. Nell'autunno 2015, raccoglie e rilancia l'ennesima sfida professionale: avviare www.Italianotizie24.it, una nuova iniziativa editoriale dal "basso", nata cioè dallo sforzo congiunto di un gruppo di giornalisti di varie parti d'Italia che decidono di "mettersi in proprio" per far nascere il "loro" giornale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi il post:

spot_imgspot_img

In questa sezione

Articoli correlati
Related

Cosa siamo nel buio, un successo le presentazioni di Tobia Rossi in tutta Italia

Tobia Rossi ha trasposto nel racconto Cosa siamo nel...

Il talento ribelle di Dee DeLuca – dallo stage (italiano) non retribuito a Anthony Hopkins

Daria Dee DeLuca, cantante e attrice italiana pluripremiata, è...

La storia di Camillo Bistrò – la leggi e ti arriva un regalo

Raccontavo giorni fa in questo articolo di quanto gli...

West London Film Festival, la Shorts night svela i segreti del McNally regista

Cosa hanno in comune Downton Abbey e I Pirati...