Gastrodiplomacy, a Londra si discute il soft power della cucina italiana

Data:

Gastrodiplomacy: la cucina come soft power è l’evento che si tiene il 29 novembre nella Settimana della Cucina Italiana nel Mondo.

Gastrodiplomacy, ecco il soft power della cucina italiana

Gastrodiplomacy, la cucina come soft power è il titolo dell’evento che si tiene lunedì 29 novembre, alle 17, in occasione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo 2021 presso l’Istituto Italiano di Cultura di Londra.

Si tratta di una conversazione tra lo storico David Ellwood e l’antropologa Sara Marino sul tema della  La cucina italiana come soft power e il valore identitario del cibo per le comunità migranti italiane nel Regno Unito.

L’incontro prevede anche i contributi di Piero Cannizzaro, regista del documentario Cibo dell’anima, e di Sabine Stevenson della Fondazione Antonio Carluccio.

Il tema della sesta edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, che si svolgerà dal 22 novembre attraverso la rete dei servizi diplomatici e consolari di tutto il mondo, è Tradizione e prospettive della cucina italiana: la consapevolezza e la valorizzazione della sostenibilità alimentare

L’appuntamento annuale si è affermato negli anni come una delle principali iniziative per promuovere il meglio della filiera enogastronomica italiana e della tradizione enogastronomica italiana all’estero.

David Ellwood è professore a contratto senior di studi europei ed eurasiatici presso SAIS Europe. Dal 2020 il Professor Ellwood è Fellow, Fondazione Einaudi, Torino. In precedenza è stato professore associato di Storia internazionale contemporanea presso l’Università di Bologna (fino a novembre 2012).  Ellwood è stato presidente dell’International Association for Media and History (1996-2002).  È un frequente contributore di articoli e recensioni su riviste accademiche, forum politici e organi di informazione e PhD, Italianistica, Università di Reading.

Sara Marino è Senior Lecturer nel programma Communications and Media presso il London College of Communication. Il suo insegnamento si concentra principalmente sulle sfide teoriche e metodologiche poste dai media digitali, ed è particolarmente interessata a come i media si intersecano con le questioni del cambiamento sociale, dell’innovazione e della solidarietà. Il suo insegnamento è informato dai principi della pedagogia professionale e considera la diversità e l’inclusione come i fattori chiave della sua pratica didattica. Le sue pubblicazioni recenti includono “Digital food and foodways: How online food practices and narratives shape the Italian diaspora in London” (Journal of Material Culture).  I suoi lavori sono stati pubblicati su riviste peer-reviewed, tra cui Journal of International Political Theory, Social Media + Society e Networking Knowledge Journal.

Pietro Nigro
Pietro Nigro
Giornalista professionista, napoletano, con esperienza di giornalismo su carta, in tv e sul web, nonché di comunicazione e nel mondo dell'impresa. Ha lavorato soprattutto a Napoli dove si è occupato di economia e politica per il Roma, il Denaro e il Corriere del Mezzogiorno. Ha curato uffici stampa e attività di comunicazione istituzionale, tra gli altri, per il parlamentare europeo Ernesto Caccavale, l'Ordine degli Ingegneri di Napoli, l'Associazione nazionale Consulenti tributari di Napoli, il Consorzio nazionale Acciaio, Anida onlus e Itaca ong. Come direttore responsabile, ha fatto nascere l'emittente televisiva calabrese Rete 3, e, come vicedirettore, il nuovo sito di informazione www.scelgonews.it. In precedenza è stato socio fondatore di una nuova impresa di bricchettaggio di lignite in Bashkortostan, di una cooperativa di diversamente abili a Napoli e della prima società italiana di condohotel a Chianciano (Siena). Attualmente collabora con il Sole 24 Ore. Nell'autunno 2015, raccoglie e rilancia l'ennesima sfida professionale: avviare www.Italianotizie24.it, una nuova iniziativa editoriale dal "basso", nata cioè dallo sforzo congiunto di un gruppo di giornalisti di varie parti d'Italia che decidono di "mettersi in proprio" per far nascere il "loro" giornale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Progetto sostenuto da

spot_img
spot_img
spot_img

Ultime News

Articoli
Correlati

La dura vita della trincea: in un libro le storie quotidiane della Prima Guerra Mondiale

Di prossima pubblicazione "La dura vita della trincea", ultimo...

La metro Overground di Londra cambia look: nuovi nomi e colori per le linee

La metro Overground di Londra cambia look: nuovi nomi...