Expats in estasi per Michela Giraud al Camden Club

Date:

36 anni, incensurata, in balia di sé stessa, aborra le torte pannolino ma soprattutto i pianisti improvvisati all’aeroporto, quegli ”schifosi epigoni” a cui nessuno ha chiesto di suonare (male) Chopin.

Chi mi conosce bene potrebbe pensare che sto parlando di me stessa. O meglio, della me stessa di tre anni fa, e invece no.

La donna a cui mi riferisco, ”spirituale” anima gemella di ogni persona (ed eravamo tantissimi) presente al Camden Club di Londra lunedì 27 maggio, è Michela Giraud.

Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024
Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024 (copyright Luigi Russo)

Abbiamo scritto di lei poco prima che presentasse lo spettacolo in questione, dal titolo ”Mi hanno gettata in mezzo ai lupi, e non ne sono uscita capobranco” rinforzando il concetto che chi fa satira non può essere politicamente corretto. Sarebbe una contraddizione in termini.

Lasciando il podio allo ”storico” editto bulgaro berlusconiano, ci sono diversi modi di censurare, denigrare, mettere la mordacchia a chi fa satira

Daniele Luttazzi (quanto manca dalla scena pubblica) una volta disse ”Chi censura un autore satirico, censura le sue opinioni. Un tempo si chiamava fascismo.”

Come dargli torto?

Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024
Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024 (copyright Luigi Russo)

Lasciando il podio allo ”storico” editto bulgaro berlusconiano, ci sono diversi modi di censurare, denigrare, mettere la mordacchia a chi fa satira. Uno di questi è quello che Michela Giraud ha spiegato benissimo a Luca Casadei nella puntata ”Michela Giraud, avere la rabbia dentro’’ per il podcast One More Time:

”Era come se avessi fatto qualcosa a ‘ste persone e non so perché scatta sempre con le ragazze che fanno le comiche. Per esempio quando mi dicono ‘sei volgare. Hai presente quella cosa sboccata, volgare che hai detto?’ mi fanno pensare alla moglie del reverendo Lovejoy dei Simpson quando dice ‘nessuno pensa ai bambini, nessuno pensa ai bambini! È come se dicessero ‘sentiti in colpa perché tu sei volgare. Le donne queste cose non le dicono’’.

Vi ricordate quale attrice del passato veniva costantemente tacciata di essere troppo volgare?

Breaking news: le donne queste cose le dicono. Le donne addirittura bestemmiano. E la Giraud è talmente tanto avanti che durante lo spettacolo ha chiesto al pubblico se fossero tutti bestemmia friendly, e al risentimento di qualcuno, passata una buona mezz’ora dalla domanda, di tutta risposta Michela Giraud ha bestemmiato (troncando l’ultima vocale) per poi lasciar cadere il microfono 8 mile style. Applausi.

Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024
Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024 (copyright Luigi Russo)

Io sono una di quelle persone che considerano le parolacce insostituibili perché oltre a dare colore, hanno il loro imprescindibile significato e spesso sono manchevoli di sinonimi altrettanto efficaci. Giocando la carta Gianfranco Funari ”Se uno è stronzo non je posso dire stupidino”, o no?

Vi ricordate quale attrice del passato veniva costantemente tacciata di essere troppo volgare? Vi rinfresco la memoria io: Anna Magnani. Non a caso la Magnani evitava di finire sotto le grinfie di giornalisti (uomini) pronti a soppesare ogni sua parola, e a giudicare il suo indiscutibile talento filtrandolo attraverso le maglie di insensati beauty standards.

Anna Magnani era ben consapevole di non doversi giustificare di nulla, e il non doversi giustificare non vale solo per lei o per Michela Giraud, ma anche per mia madre che scomoda i morti degli automobilisti incivili quando non si fermano per lasciarle attraversare la strada.

Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024
Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024 (copyright Luigi Russo)

In fondo il perbenismo dei baciapile nostrano è un vestito cucito talmente tanto stretto che non riusciamo a togliercelo di dosso

Trovo invece osceno quanto esilarante il papa che dice che c’è troppa ”frociaggine” nei seminari, ma gli va comunque riconosciuto di essere un migrante ben inserito nel tessuto socioculturale romano.

Sketch di Michela Giraud al Camden Clab di Londra realizzato dall'artista Simona De Leo
Sketch di Michela Giraud al Camden Club di Londra realizzato dall’artista Simona De Leo

In fondo il perbenismo dei baciapile nostrano è un vestito cucito talmente tanto stretto che non riusciamo a togliercelo di dosso. Il bel paese delle eterne contraddizioni egregiamente evidenziate da Michela Giraud quando, a inizio spettacolo, ci ha tenuto ad informare noi expats con gli ultimi accadimenti:

”Avete sentito che il Codacons esige trasparenza per il tele-voto di Sanremo. Giusto no? Invece per il diritto di aborto ti offrono 100 euro ed è tutto apposto”.

Michela Giraud è intelligente, brillante, una professionista della satira e della comicità che ha fatto una lunga gavetta e che ora si gode il suo successo a bordo di una semplice e onesta seicento ”che mai ti giudica”. Non come quelle ”fregnette delle Mercedes”.

Michela Giraud è dotata di quella straordinaria capacità che ci fa dire ”ma sta parlando di me?”

Nello spettacolo che sta presentando in giro per l’Europa, racconta la vita di una donna che, superati i trentacinque anni, viene lasciata dal suo grande amore, e lo fa con un’onestà e irriverenza disarmanti. Michela Giraud infatti è dotata di quella straordinaria capacità che ci fa dire ”ma sta parlando di me?”, mantenendo una connessione quasi viscerale. Diversa da quella che per esempio molte hanno provato con la Fleabag di Phoebe Waller-Bridge, perché ovviamente Michela è a noi più vicina e le sue storie sono assai meno romanzate.

In un altro paese delle contraddizioni come l’Inghilterra, una favola amara, personale e imperfetta come Flaminia a noi italiani servirebbe

Michela però si è spinta ben al di là dei confini della stand-up Comedy, e da attrice e presentatrice è diventata regista con il suo film d’esordio Flaminia. Chi è in grado di andare al di là della critica spuria giocata sul noiosissimo stigma ”EhmaglistereotipiRomanordRomasud” percepisce la profondità e la delicatezza con la quale Michela Giraud affronta la tematica dell’inclusività, del sapersi interfacciare nel mondo reale con persone neurodivergenti, di come un rapporto complicato tra sorelle viene rivisto, percepito e metabolizzato come il più formativo e importante della vita.

Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024
Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024 (copyright Luigi Russo)

In un altro paese delle contraddizioni come l’Inghilterra, dove nelle grandi corporate la famosa inclusivity viene articolata in mini training a puntate, in cui la morale si riduce nel ”bisogna essere tutti bravi e tolleranti” senza fornire adeguati strumenti di comunicazione bivalente, forse una favola amara, personale e imperfetta come Flaminia a noi italiani servirebbe.

Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024
Michela Giraud al Camden Club, Londra 2024 (copyright Luigi Russo)

Al di là del sostenere giovani registe, al di là di mantenere vivo il nostro rapporto con l’Italia attraverso la cultura, il cinema, e l’arte in generale, al di là del disperato bisogno di ”leggerezza”, una comica che è riuscita a farmi visualizzare Paolo Poli che butta l’immondizia sulla Palmiro Togliatti merita il trono più di Queen Camilla Rosemary Shand.

Silvia Pellegrino
Silvia Pellegrino
Silvia è una scrittrice italiana, nata e cresciuta a Roma, e attualmente residente a Londra. Si è appassionata alla scrittura fin da quando era bambina, e ha iniziato a comporre poesie all'età di dieci anni. Cresciuta in una famiglia matriarcale, ha sviluppato un interesse per l'universo femminile, che ha ispirato il suo libro di racconti 'The Spoons'Tales'. Quest'ultimo, ancora in lavorazione, racconta le donne, indagando diversi temi: dalla sessualità al rapporto con il proprio corpo; dall'amore alla morte. Appassionata sia di letteratura che di cinema, ha scritto la sceneggiatura del cortometraggio di video-poesia 'The Molluscs Revenge', diretto e prodotto dalla società di produzione video @studio_capta, nel 2020. Silvia ha individuato nella videoarte e nella videopoesia il perfetto contenitore di contenuti dove far incontrare linguaggi diversi, percepiti come strumento di analisi interpretativa in grado di reificare le diverse sensibilità artistiche, trasformandole in immagini poetiche. Ha collaborato inoltre con il quotidiano nazionale online @larepubblica e la rivista @sentieriselvaggi scrivendo diversi articoli e recensioni cinematografiche dal 2012 al 2016. Nel 2020 il suo racconto “Una lupa mannara italiana a Londra” è stato uno dei vincitori del concorso di scrittura @IRSE RaccontaEstero.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi il post:

spot_imgspot_img

In questa sezione

Articoli correlati
Related

Serate a base di networking e celluloide con l’evento 3,2,1…Action!

  L'Istituto Italiano di Cultura si prepara a ospitare un...

Concorso “Global Uncertainty: the power of dialogue” – Scadenza 19 luglio

C’è tempo fino alla mezzanotte di venerdì 19 luglio...

Londra mia ma quanto mi costi? Fenomenologia di una migrante

È un mercoledì qualsiasi a Londra, di un giugno...

Con Funeral party il Teatro in italiano da sold out a Liverpool

Saggio di fine anno per gli allievi del corso...