Settimana lavorativa di 4 giorni, in UK via all’esperimento

Data:

Settimana lavorativa di 4 giorni, in UK via all’esperimento per 6 mesi per 3300 lavoratori e 70 compagnie inglesi.

3300 lavoratori e 70 compagnie inglesi stanno prendendo parte al più grande esperimento al mondo della settimana lavorativa ridotta. Dal venditore locale di fish and chips alle grandi compagnie finanziarie della City, questa prova di sei mesi prevede solo 4 giorni di lavoro a settimana senza riduzioni nello stipendio dei lavoratori.

Ad organizzarlo è stato il 4 Day Week Global, in collaborazione con il think tank Autonomy, la 4 Day Week Campaign e i ricercatori di Cambridge, Oxford e del Boston College.

L’esperimento si basa sul modello 100:80:100, che prevede il 100% della paga per l’80% del tempo, in cambio del mantenimento della produttività al 100%. Con una riduzione delle ore da 40 a circa 32, l’aspettativa degli organizzatori è osservare un aumento nel benessere dei lavoratori che renderebbe più efficiente la compagnia stessa.

Questa aspettativa ha già trovato riscontro nella realtà. Nel 2019, Microsoft Japan ha riscontrato un aumento della produttività del 40% dopo aver applicato il modello 100:80:100. Ma i benefici della settimana lavorativa ridotta non si fermano qui. Microsoft ha osservato anche un ridotto impatto della compagnia sull’ambiente e un risparmio in termini di energie, materiali e risorse.

Risultati confermati anche dagli altri esperimenti in giro per il mondo (ne inizieranno di nuovi anche in Spagna e Scozia nel 2023), tra cui spicca quello della capitale islandese Reykiavik nel 2015. Un “successo indiscusso” grazie alla diminuzione dei livelli di stress, del rischio di esaurimento, senza alcun effetto negativo sulla produttività.

Settimana lavorativa di 4 giorni, un esperimento per il 21esimo secolo

“Emergendo dalla pandemia, più e più aziende riconoscono che la nuova frontiera della competizione è la qualità della vita, e che un lavoro con meno ore e più focus sulla produttività è il veicolo per dargli più competitività”, ha dichiarato Joe O’Connor, capo esecutivo del progetto non-profit 4 Day Week Global.

Juliet Schor, professoressa di sociologia al Boston College, ha spiegato su quali aspetti si concentreranno gli studiosi. “Analizzeremo come gli impiegati risponderanno ad un giorno libero in più in termini di stress ed esaurimento, soddisfazione tra lavoro e vita, salute, sonno, utilizzo dell’energia, viaggi e molti altri aspetti della vita“, ha detto la Schor.

Secondo Ed Siegel della Charity Bank, tra le prime in UK ad aver introdotto la settimana ridotta, si tratta di adattarsi ai tempi e alle necessità del nuovo mondo. “Il concetto del 20esimo secolo della settimana di cinque giorni lavorativi non è più adatta ai business del 21esimo secolo”, sostiene Siegel. “Noi crediamo fermamente che la settimana di quattro giorni senza cambiamenti nel salario o nei benefici creerà una forza lavoro più felice e allo stesso tempo avrà un impatto positivo sulla produttività, sull’esperienza dei clienti e sulla nostra missione sociale”.

L’appuntamento per i risultati è a inizio del 2023.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Iscriviti

Progetto sostenuto da

spot_img
spot_img
spot_img

Ultime News

Articoli
Correlati

As it was, where it was: alla British Italian talk sul Campanile di San Marco

La British Italian Society presenta “As it was, where...

Cybersecurity? Sì, grazie: il nuovo podcast di Around Britaly

Su Around Britaly, puntata sulla cybersecurity: ospite Luca Viganò,...

From Venice To London 2023: il grande cinema di Venezia torna a Londra

Dal 3 al 6 febbraio sbarca in Uk la...

All’Iic di Londra tornano le Roman Nights con I Soliti Ignoti

In occasione della candidatura all’Expo 2030 all’Iic di Londra...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: