Matteo Massagrande espone alla Pontone i dipinti ispirati a Van Gogh

Data:

Si intitola The Mine and the Trees, Gli alberi e la miniera, la mostra di Matteo Massagrande che apre alla Pontone Gallery dal 5 novembre.

Matteo Massagrande ospite di Pontone Gallery con la mostra Gli alberi e la miniera

Si intitola The Mine and the Trees, Gli alberi e la miniera, la mostra di dipinti dell’artista Matteo Massagrande che apre i battenti il 5 novembre e prosegue fino al 5 dicembre presso la Galleria Pontone di Londra (74 Newman Street, London W1T 3DB, prenotazione della visita sul sito)

L’illustre pittore italiano Matteo Massagrande ha prodotto una serie di dipinti ispirati a Van Gogh, e in particolare alcuni passaggi di lettere che scrisse al fratello Theo. All’inizio di quest’anno queste opere sono state esposte ad “Attorno a Van Gogh” che ha affiancato la grande mostra “Van Gogh. I Colori Della Vita‘ messo insieme dall’eminente curatore Marco Goldin, che ha coinvolto Massagrande e ha messo in moto lo sviluppo di questi nove dipinti.

Si tratta di una sequenza di opere liriche, soffuse di associazioni personali, cariche di peso emotivo e attaccamento, e sono il risultato della ricerca di Massagrande di vedere accanto a Van Gogh e accompagnarlo nelle sue spedizioni pittoriche. E camminare al passo con Van Gogh porta Massagrande a scoprire nuovi e gratificanti percorsi di indagine artistica.

Massagrande setaccia la corrispondenza di Van Gogh alla ricerca delle descrizioni del paesaggio che risuonano con la sua risposta emotiva al luogo. Quelle di Vincent sono forense pittoriche, descrivono le qualità della luce e del colore e la natura specifica e l’aspetto di alberi, fiori e topografia.

Massagrande trova gli equivalenti nel suo archivio di motivi personalmente significativi. Elabora composizioni di punti di riferimento e luoghi che conosce e ama, che sono speciali ed evocative e hanno qualità formali in comune con quelle di Van Gogh.

Ne emergono molte correlazioni abbastanza sorprendenti: il dipinto di MassagrandeLa Vigna Nell’ Orto‘, ad esempio, è un’interpretazione quasi letterale di un brano di una poesia che Van Gogh racchiuse in una lettera del marzo 1884: “qui in giardino, al riparo dal vento, dove nessun fiore sbocciava, tutte le aiuole di cavoli e le viti sovrastanti”.

Come sempre con questo pittore, il metodo è accurato e rigoroso. La sua abilità nel disegno esemplare stabilisce un modello spazialmente coerente su cui appende le sottigliezze di tono e colore in tocchi e toppe otticamente-analitiche, che si fondono in una materialità sontuosamente realizzata. Non lo vediamo dipingere come Van Gogh. Non si tratta di un pastiche, ma di una tecnica conquistata a fatica e un processo incessante che dimostra la propria profonda integrità. I suoi mezzi scrupolosi realizzano un fine espressivo.

L’albero è portatore di significato per Van Gogh come per Massagrande

L’albero è onnipresente, un’immagine ricorrente e insistentemente enfatica. Per entrambi gli artisti è un portatore di significato. Massagrande scrive del suo amore per gli alberi e del legame comune che condivide con Van Gogh.

Per Massagrande sono uno sprone alla memoria, la loro crescita e decadenza analoga alla nostra, la loro sopportazione in contrasto con la nostra caducità. Si rallegra dell’esistenza indipendente dell’albero, della sua forza vitale e della sua capacità di recupero paziente e fertile.

Se c’è una pietra di paragone per questa mostra, essa è certo ‘Gli Alberi e la Miniera‘, che mostra giovani alberelli che spuntano dal pavimento di un edificio abbandonato, una risposta al dipinto di Van Gogh della miniera di Marcasse nel Borinage, in Belgio, dove ha trovato la sua vera vocazione di pittore. È un’immagine di fecondità e di trasformazione.

Pietro Nigro
Pietro Nigro
Giornalista professionista, napoletano, con esperienza di giornalismo su carta, in tv e sul web, nonché di comunicazione e nel mondo dell'impresa. Ha lavorato soprattutto a Napoli dove si è occupato di economia e politica per il Roma, il Denaro e il Corriere del Mezzogiorno. Ha curato uffici stampa e attività di comunicazione istituzionale, tra gli altri, per il parlamentare europeo Ernesto Caccavale, l'Ordine degli Ingegneri di Napoli, l'Associazione nazionale Consulenti tributari di Napoli, il Consorzio nazionale Acciaio, Anida onlus e Itaca ong. Come direttore responsabile, ha fatto nascere l'emittente televisiva calabrese Rete 3, e, come vicedirettore, il nuovo sito di informazione www.scelgonews.it. In precedenza è stato socio fondatore di una nuova impresa di bricchettaggio di lignite in Bashkortostan, di una cooperativa di diversamente abili a Napoli e della prima società italiana di condohotel a Chianciano (Siena). Attualmente collabora con il Sole 24 Ore. Nell'autunno 2015, raccoglie e rilancia l'ennesima sfida professionale: avviare www.Italianotizie24.it, una nuova iniziativa editoriale dal "basso", nata cioè dallo sforzo congiunto di un gruppo di giornalisti di varie parti d'Italia che decidono di "mettersi in proprio" per far nascere il "loro" giornale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Progetto sostenuto da

spot_img
spot_img
spot_img

Ultime News

Articoli
Correlati

La dura vita della trincea: in un libro le storie quotidiane della Prima Guerra Mondiale

Di prossima pubblicazione "La dura vita della trincea", ultimo...

La metro Overground di Londra cambia look: nuovi nomi e colori per le linee

La metro Overground di Londra cambia look: nuovi nomi...