Earthshot Prize, Milano tra i vincitori del prestigioso premio per l’ambiente

Date:

A Londra la prima edizione dell’Earthshot Prize. Tra i cinque vincitori del prestigioso premio anche l’Italia, grazie all’innovativa politica alimentare del comune di Milano.

Il 17 ottobre 2021 si è tenuta a Londra la prima edizione dell‘Earthshot Prize, un premio di 5 milioni di sterline per le cinque migliori idee e tecnologie per affrontare la crisi climatica della Terra.

Il premio è frutto dell’impegno del Duca e della Duchessa di Cambridge, William e Kate, che attraverso la loro charity The Royal Foundation si sono impegnati a premiare cinque progetti ogni anno fino al 2030.

Viviamo nel momento più consequenzialità della storia dell’umanità. Le azioni che scegliamo o non scegliamo di intraprendere nei prossimi 10 anni determineranno il destino del nostro pianeta per i prossimi 1000.

Un decennio non sembra molto, ma l’umanità ha un’eccezionale record per essere stata capace di risolvere l’irrisolvibile… Siamo noi a determinare il futuro. Nulla è impossibile, se decidiamo di farlo“, ha dichiarato William.

Numerose celebrità, tra cui Emma Watson, Emma Thompson e David Oyelowo, hanno percorso un green carpet per accedere alla cerimonia, rigorosamente indossando abiti sostenibili.

Ospite d’eccezione Sir David Attenborough, esploratore e attivista, protagonista di numerose iniziative ambientali e ideatore del documentario di Netflix A Life on Our Planet.

Ad accompagnare la cerimonia le performance musicali di artisti come Ed Sheeran, Shawn Mendes e Coldplay. La band americana si è esibita all’Alexandra Palace sfruttando l’energia messa a disposizione dal lavoro di 60 ciclisti.

Oltre 750 nomine in tutto il mondo per l’Earthshot Prize, tra governi, campagne popolari e business.

Il premio è composto da cinque categorie, Build a Waste-free World, Fix Our Climate, Protect and Restore Nature, Clean our Air, Revive our Oceans, ognuna con tre finalisti e un vincitore.

L’Italia aggiunge un’ennesima vittoria al bilancio del 2021. Si tratta del primo premio nella categoria Build a Waste-free World della città di Milano. Inoltre, l’Italia è presente anche nel team vincitore della categoria Fix Our Climate, insieme a Tailandia e Germania.

Il progetto milanese che ha vinto l’Earthshot Prize 2021

Un terzo del cibo prodotto al mondo viene sprecato. Un problema enorme, considerando da una parte le risorse impiegate per produrlo (circa il 25-30% delle emissioni globali derivano proprio dal food system) e dall’altra i milioni di persone che ogni giorno soffrono la fame.

I Food Waste Hubs della città di Milano sono una soluzione per due problemi. Ogni centro di rifiuti raccoglie cibo scartato dai supermercati e dalle riserve delle grandi compagnie per poi distribuirlo attraverso delle ONG ai cittadini più bisognosi.

L’obiettivo del progetto nato nel 2019 è dimezzare lo spreco entro il 2030. Un obiettivo piuttosto tangibile, considerando che ogni giorno i tre centri della città lombarda raccolgono 350kg di cibo, equivalenti a circa 260.000 pasti annuali.

Milano è la prima grande città a proporre e implementare un modello del genere, che coinvolge enti pubblici, benefici, università, compagnie private, banche di cibo e ONG. Si tratta di un precedente mondiale che potrebbe dare il via ad un cambiamento per delle città più sostenibili e senza sprechi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi il post:

spot_imgspot_img

In questa sezione

Articoli correlati
Related

La Console Rossella Gentile, orgoglio lucano ed esperienza professionale a Londra

La Console Rossella Gentile, ripercorre le sue esperienze di...

Parlamento europeo, ci sono le alternative alla “maggioranza Ursula”

Ecco l'analisi della situazione al Parlamento europeo dopo le...

Concorso “Global Uncertainty: the power of dialogue” – Scadenza 19 luglio

C’è tempo fino alla mezzanotte di venerdì 19 luglio...

Abbattiamo le barriere con l’arte al Crip Art Spazio di Venezia

Enormi striscioni di protesta, fumetti, film, fotografie, tutto grida...