Consolato Generale di Londra, il console Villani saluta la comunità italiana

Data:

Cambio della guardia al Consolato Generale d’Italia a Londra; il console Marco Villani lascia dopo 4 anni e si accomiata dalla comunità italiana.

Consolato Generale di Londra, il console Villani saluta la comunità italiana

Cambio della guardia nei giorni scorsi al Consolato generale d’Italia a Londra, con il console generale Marco Villani che si accomiata dalla comunità italiana e lascia l’incarico al nuovo entrante, Domenico Bellantone.

Il console uscente, che lascia la sede di Farringdon Street dopo un lungo mandato di oltre quattro anni, ha salutato la comunità italiana con un lungo post pubblicato sulla pagina Facebook del Consolato generale d’Italia a Londra.

Quattro anni e mezzo a Londra, con le conseguenze della Brexit e della pandemia

Il console Marco Villani, che è arrivato a Londra quattro anni e mezzo fa, ha preso in carico la sede consolare che aveva il più alto numero di cittadini italiani iscritti all’Aire, e si è trovato a gestire il Consolato generale d’Italia a Londra nel difficilissimo periodo della Brexit e della pandemia di Covid-19.

La sede consolare di Londra, infatti, competente per l’intera Inghilterra e per il Galles, ha visto negli scorsi la moltiplicazione del numero di arrivi di italiani nel Regno Unito, una vera esplosione alimentata sia dai crescenti flussi di studenti universitari, sia soprattutto dal trasferimento di lavoratori e imprese nel periodo in cui il Regno Unito è stato parte dell’Europa.

Oltre ai cittadini italiani circa iscritti all’Aire, anagrafe dei Residenti all’Estero, infatti, che sono diventati quasi 400 mila, si stima che gli italiani a vario titolo presenti in Gran Bretagna siano arrivati anche a 700 mila, oltre ai turisti.

Per questo, forse il principale impegno affrontato dal console Villani è stato probabilmente quello di trovare una soluzione alle difficoltà del Consolato nella gestione di questa nutritissima comunità, a cominciare dai documenti e dagli atti di stato civile di cui il Consolato si occupa, e che hanno richiesto di insediare in un apposito ufficio una sorta di task force dedicata proprio a gestire passaporti e documenti di identità.

Poi sono subentrate le conseguenze della Brexit, e la difficile fase di transizione conseguente all’uscita del Regno Unito dall’Unione europea e il ritorno di regole e vincoli per i movimenti di persone e merci, seguita poi dalla pandemia, i cui contorni sfuggivano peraltro anche alle autorità nazionali e internazionali.

“Sono stati 4 anni e mezzo intensi e complessi ma che mi hanno dato immensamente, sia sul piano umano che professionale. Anni in cui il mondo è radicalmente cambiato e Londra è stata un osservatorio e un laboratorio unico. – scive il console Villani nel suo messaggio – La Brexit ha profondamente ridisegnato la vita dei cittadini europei nel Regno Unito. È stato un cambiamento epocale. La pandemia ci ha messo a dura prova e abbiamo dovuto affrontare situazioni che ci hanno fortemente toccato”.

Tra le difficoltà affrontate, ad esempio, la organizzazione e la riorganizzazione dei servizi ufficialmente erogati dal Consolato, cultimani quest’anno anche con la reistituzione della sede consolare di Manchester a cui è stata delegata la competenza per i territori dell’Inghilterra settentrionale, nonché il tentativo di allestire – anche con organizzazioni civiche ed associazioni professionali forme di sostegno ai cittadini per le esigenze del Covid.

“Desidero ringraziare tutti gli italiani qui residenti per il loro prezioso contributo, per avermi accolto e spesso guidato in una dimensione dove l’eccellenza del nostro Paese continua a rappresentare un patrimonio straordinario e universalmente riconosciuto. – scrive sempre il console Villani nel messaggio di commiato – Un ringraziamento speciale va a tutto il personale del Consolato Generale per la fondamentale collaborazione. Senza di voi i grandi risultati raggiunti in questo periodo non sarebbero stati possibili. Ringrazio ovviamente tutte le autorità e gli amici britannici con cui ho avuto il privilegio di collaborare e spesso di instaurare un rapporto di sincera amicizia. E ancora i colleghi del corpo diplomatico e consolare con cui ho condiviso questa straordinaria esperienza. E last but not least la mia famiglia che mi ha sostenuto come mai e senza cui nulla sarebbe stato possibile. Porterò con me questi anni londinesi che mi hanno arricchito, non solo come diplomatico, ma anche come cittadino e come uomo”.

Nell’ambito dei suoi compiti, poi, il console Villani ha sostenuto, incoraggiato, patrocinato e stimolato un gran numero di iniziative sociali, culturali e imprenditoriali, sia direttamente sia in collaborazione con gli altri enti istituzionali che rappresentano il Sistema Paese nel Regno Unito, come la Camera di Commercio italiana nel Regno Unito, l’Istituto italiano di Cultura, l’Istituto di Commercio Estero e l’Ente nazionale del Turismo.

In questo ambito, rientra anche Londra Notizie 24, il progetto editoriale a servizio della Comunità italiana e del Sistema Paese che il console Villani ha auspicato e sostenuto sin dalla nascita.

Anche per questo, oltre che per tutto il resto, va il riconoscimento e il ringraziamento del direttore e dei redattori di Londra Notizie 24 al console generale Marco Villani, insieme agli auguri per un brillante e prestigioso proseguimento della sua carriera nei suoi prossimi incarichi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Iscriviti

Progetto sostenuto da

spot_img
spot_img
spot_img

Ultime News

Articoli
Correlati

La commedia all’italiana: presentato all’Iic il libro di Masolino d’Amico

Il libro La commedia all’Italiana viene presentato all’Iic di...

Italiane in Champions, 3° turno: che vittorie per Napoli e Inter

Nel terzo turno per le italiane in Champions vincono...

Il 7 ottobre la 43rd Annual Conference Icciuk: si parla di Impresa familiare

Il 7 ottobre al RAC di Londra la 43rd...

Ghali e il suo tour europeo iniziano da Londra

Ghali e il suo tour europeo iniziano da Londra,...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: