Burberry, si conclude l’era Tisci

Data:

Riccardo Tisci lascia dopo cinque anni: come Chief Creative Officer ha riposizionato Burberry in nuovi segmenti di mercato.

Burberry, dopo quasi 5 anni si conclude l’era Tisci

Giunge al termine dopo quasi cinque anni l’esperienza come Chief Creative Officer di Burberry di Riccardo Tisci, uno dei più quotati stilisti italiani e il creativo che con il suo stile inconfondibilmente made in Italy ha rilanciato alla grande il famoso brand inglese ravvivandolo e modernizzandolo e portandolo alla conquista di nuovi segmenti di mercato soprattutto tra i più giovani.

L’addio, che era nell’aria già da tempo e rilanciato periodicamente da vari rumori di mercato è stato annunciato da Burberry mercoledì scorso, e sarà definitivo con lo show di domani.

Con l’occasione Burberry presenta anche l’erede di Tisci, che lascia il testimone ‘a Daniel Lee, designer di punta tra gli altri di Bottega Veneta.

Il marchio Burberry ha beneficiato in questi anni dell’apporto creativo di Tisci, aprendosi ad un pubblico più giovane.

Infatti il brand ha vissuto una seconda giovinezza grazie alla vision italiana del creativo, che ha largamente modernizzato la sua offerta di prodotti. La collezione Primavera-Estate 2023, che è stata presentata la settimana scorsa a Londra, è l’ultima che lo stilista italiano ha creato per Burberry e che in qualche modo lascia la traccia segnata da Tisci in questi anni.

E da Burberry lo sanno bene. Anche il suo presidente, Gerry Murphy, lo ha confermato in una dichiarazione ufficiale. ha dichiarato:

“Il Consiglio e io siamo grati a Riccardo per la sua ispirazione per la trasformazione di Burberry, Costruiremo su questa piattaforma creativa durante la prossima fase dell’evoluzione di Burberry sotto la guida di Jonathan”.

Lo stesso Riccardo Tisci ha dichiarato:

“Burberry è un posto molto speciale con un passato magico[…] Voglio ringraziare i miei team, passati e presenti […] che mi hanno aiutato a scrivere un capitolo che spero rimanga nel futuro di Burberry per gli anni a venire.”

Il made in Italy che ha conquistato Givenchy orima e Burberry poi

Riccardo Tisci, classe ‘74, è annoverato tra i migliori fashion designer del mondo. Lo stilista di Taranto è noto soprattutto per il suo lavoro presso Givenchy. Alla guida della maison francese per quasi 12 anni, nel 2018 viene annunciato come direttore creativo di Burberry

Dopo aver rivitalizzato la casa di moda francese, in questi cinque anni lo stilista italiano ha dato nuova linfa vitale anche alla firm britannica.

Per il futuro dello stilista, che nel 2008 viene chiamato da Madonna per disegnare due costumi dello Sticky and Sweet Tour, si aprono ora diverse possibilità. Secondo alcune indiscrezioni, Tisci potrebbe andare a guidare lo staff creativo di Off White, noto marchio da poco rimasto orfano di Virgil Abloh.

In un recente passato si era anche detto che dopo Burberry Tisci sarebbe andato da Versace, anche se la stessa Donatella Versace ha smentito quelle voci.

Quale che sia il prossimo incarico, quel che è certo è che Tisci continuerà a lavorare e a creare con quel suo stile inconfondibilmente italiano che ha portato il Made in Italy sin dentro la maison Givenchy prima e alla house di Burberry poi.

Simone Platania
Simone Platania
Studente in "Lingue, Culture, Letterature e Traduzione" presso La Sapienza di Roma. Co-autore del libro "Inferno a Kabul". Traduttore e scrittore freelance.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share post:

Iscriviti

Progetto sostenuto da

spot_img
spot_img
spot_img

Ultime News

Articoli
Correlati

Natale italiano a Londra, su Around Britaly il Circolo e Sial

Il nuovo podcast di Around Britaly è dedicato alle...

Comites di Manchester, ok ai corsi Cdlci. Il Consolato potenzia i servizi

Parere positivo del Comites di Manchester al progetto del...

Change Evolution and Disruption: all’Iic di Londra la conferenza annuale dell’Asmi

Change Evolution and Disruption è il titolo della conferenza...

San Giuseppe tra teologia e arte: talk di Michael Cefai alla Dante Alighieri Society

San Giuseppe tra teologia e arte: la talk di...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: